+39 0422 761061
info@corsizamuner.it

Iscrizione al corso

Serate Odontoiatriche 2018

(costo: € 480,00)

Nome *
Cognome *
Città *
Indirizzo
Provincia
Telefono *
Cellulare
Email *
Eventuali note
Dimostra di non essere un robot:

 

Segreteria Organizzativa

Centro Corsi “Tecnica e Pensiero” Zamuner Loris
Piazzetta del Convento, 7 31045 Motta di Livenza (TV)
Tel./fax +39 0422 761061
E-mail: info@corsizamuner.it

Codice IBAN per pagamenti tramite bonifico: IT35R0200861840000016949547 P.IVA 02456550264
Sig.ra Elisabetta dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.30

Serate Odontoiatriche 2018

La sempre nutrita partecipazione e il dimostrato gradimento per gli argomenti proposti e per la qualità e prestigio dei relatori, ci spingono a continuare nello sforzo organizzativo per l’evento culturale “Serate Odontoiatriche”.

Quella del 2018 sarà la 16a edizione del programma di formazione del Centro Corsi “Tecnica e Pensiero”, strutturato, come di consuetudine, in un ciclo di conferenze serali (per questa edizione saranno nove). A queste si aggiungerà un corso di un’intera giornata, che vedrà la presenza di tre grandi maestri dell’endodonzia per confrontarsisu vari aspetti, anche controversi, della materia.

Nella consueta multidisciplinarietà degli argomenti trattati sarà dato spazio all’implantoprotesi, con un interessante confronto fra le caratteristiche e indicazioni di vari tipi di protesi a supporto implantare e, in un successivo incontro, sulla protesi fissa implantareconometrica, con valutazione dei potenziali vantaggi sulla prevenzione e gestione di mucositi e periimplantiti.
La protesi fissa convenzionale troverà il suo spazio con un argomento di grande attualità ed interesse come il disegno a finire delle preparazioni che, anche grazie alla presenza sul mercato di una vasta gamma di materiali assolutamente compatibili con questa geometria, permette di ottenere ottimi risultati clinici ed estetici.
Per quanto riguarda la conservativa si parlerà di tecniche adesive e dei protocolli operativi scrupolosi fondamentali per ottenere sigillo e ritenzione dei restauri.
Affronteremo anche argomenti clinici meno trattati in passato, come la pedodonzia, con indicazioni su come agire nell’immediato e come gestire nel tempo i traumi in dentizione decidua e l’ortodonzia, con una conferenza sui trattamenti con allineatori.
Si tratterà anche di un tema medico importante come il carcinoma orale, con l’illustrazione delle fasi di diagnosi, terapia e follow up, di indicazioni sul corretto utilizzo di strumenti di diagnosi radiologica come OPT e Cone Bean ed, infine, di problematiche organizzativo/gestionali degli studi dentistici.

Confidando di avere allestito un programma (che sarà accreditato ai fini ECM come unico evento formativo) quanto mai interessante e stimolante, Vi attendiamo a Motta di Livenza per condividere quella che riteniamo una importante occasione di aggiornamento professionale.

Sandro Tondat Loris Zamuner

INDICE DEGLI INCONTRI

martedì 30 gennaio 2018

ore 20:00


" Protesi tipo Toronto vs. protesi overdenture: criteri di scelta"


Lo scopo di questo aggiornamento è di fornire al collega le linee guida per la progettazione e la costruzione di una corretta protesi sostenuta da impianti. Saranno analizzati i parametri estetici del volto, i parametri funzionali e le tipologie muscoloscheletriche confrontando tra loro le diverse tipologie protesiche: protesi rimovibile a sostegno implantare, protesi fissa avvitata.

Relatore:

Dott. Luca Ortensi

Laureato in odontoiatria e protesi dentaria nel 1993 all’Università di Bologna. Ufficiale odontoiatra presso l’Accademia Militare di Modena negli anni 1994-1995.Ha partecipato al corso annuale di protesi fissa del Dott. Dario Castellani nel 1997 ed ha frequentato lo stesso corso nel 1998 e nel 1999. Frequenta corsi di aggiornamento con i più noti protesisti italiani e stranieri ( Valerio, Fradeani, Rufenacht, Calesini) ed il master sull’adesione presso l’Università di Siena nel 2001. Partecipa al corso annuale di implantologia del Dott. Testori nel 2002 ed a corsi di chirurgia implantare tenuti dai dott.ri Bruschi e Scipioni.
Ha pubblicato alcuni articoli scientifici concernenti la protesi fissa su riviste nazionali ed internazionali ed ha partecipato come relatore a numerosi corsi e congressi in Italia, Germania, Brasile, Spagna, USA.
Tiene dal 2003 un corso di aggiornamento in protesi accreditato dal ministero della salute.
Professore a contratto per la facoltà di odontoiatria all’Università di Catania, nel corso di Protesi.
Svolge la libera professione a Bologna limitatamente alla protesi ed all’odontoiatria ricostruttiva, in associazione con altri colleghi.
E’ componente dell’Ordine dei Medici di Bologna.

martedì 27 febbraio 2018

ore 20:00


" Traumi dell'età evolutiva: come comportarsi"


La frequenza dei traumi dentali è alta e colpisce circa il 20% dei bambini in dentizione decidua ed oltre il 15% in dentizione mista e/o definitiva. Possiamo affermare che traumi e processi cariosi sono le patologie più frequenti in odontoiatria infantile.
Risulta fondamentale una prevenzione diffusa e capillare iniziando dall'ambiente famigliare , scolastico e sportivo; in quanto un trattamento tempestivo, una corretta diagnosi e terapia congrua sono le condizioni che riducono notevolmente le complicanze a medio e lungo termine .
Lo scopo della giornata è fornire indicazioni (seguendo le linee guida) su come agire nell'immediato e come gestire nel tempo i traumi in dentizione decidua le cui complicanze spesso si ripercuotono, a volte in maniera importante, livello della dentatura permanente

Relatore:

Dott.ssa Isabella Gozzi

Laurea con lode in Medicina e Chirurgia conseguita presso l'Università degli Studi di Bologna. Frequenta vari corsi di perfezionamento. Nel 2006 frequenta il corso biennale di ortodonzia presso l'Unità Operativa Ospedaliera di Cittadella diretta dal Dott. Roberto Ferro. Attualmente svolge l'attività di tutor presso l'Unità Operativa di Cittadella.
Relatrice di corsi di Pedodonzia e Ortodonzia presso la ditta Leone Firenze con il Dott. Roberto Ferro.
Relatrice SIOI a congressi regionali e nazionali. Tiene corsi di odontoiatria pediatrica presso Veneto Servizi.

giovedì 22 marzo 2018

ore 20:00


" Efficacia clinica delle preparazioni verticali nella moderna odontoiatria"


Lo stretto controllo di protocolli, tecniche e materiali testati e consolidati nell’arco
di decenni è sempre stato alla base di successo in ambito odontoiatrico ed in
particolare in protesi.
E’ stato dimostrato negli ultimi anni che, anche attraverso l’applicazione di
protocolli alternativi a quelli tradizionalmente conosciuti, si possono ottenere degli
ottimi risultati clinici in termini di praticità tecnica, rapidità di esecuzione ma anche e
soprattutto in termini di stabilità dei tessuti attorno ai restauri protesici.
In particolare modificando il disegno della preparazione protesica ed utilizzando
delle preparazioni senza linea di finitura è possibile creare dei protocolli di lavoro
estremamente efficienti ottenendo allo stesso tempo dei risultati clinici ed estetici
del tutto sovrapponibili a quelli ottenuti con preparazioni tradizionali a spessore.
Tutto questo è reso possibile dalla presenza sul mercato di una vasta gamma di
materiali protesici assolutamente compatibili con le nuove geometrie.

Relatore:

Dott. Fabio Scutellà

Laureato in Odontoiatria e Protesi Dentaria nel 1991.
Specializzato in protesi alla Boston University “Goldman School of Dental Medicine” nel
triennio 1997-1999 dove consegue il Certificate of Advanced Graduate Study (CAGS).
Master in Materiali Dentari presso il dipartimento di Biomaterials della Boston University
“Goldman School of Dental Medicine” nell’anno 1999 conseguendo il titolo di Master
of Science in Dentistry (MSD).
Responsabile del Dipartimento di Protesi presso “Humanitas Reserach Hospital-Dental
Center” (Dir. Prof R.L.Weinstein)
Visiting Lecturer Boston University “Goldman School of Dental Medicine”
Visting Lecturer “Linhart Continuing Education Program” New York University, College
of Dentistry
Senior Lecturer presso “Lake Como Institute for Advanced Implant Training”
Membro del board editoriale della rivista: CAD-CAM International Magazine of Digital
Dentistry.
Segretario per i bienni 2014-2016/2016-2018 della BUIA (Boston University Italian
Alumni).

sabato 28 aprile 2018

ore 8:30 - 17:00


" Edodonzia: perchè, quando e come"


L’endodonzia ha subito negli ultimi anni profonde trasformazioni, soprattutto concernenti lo strumentario e le tecniche di preparazione ed otturazione del canale.
Senza però il supporto delle conoscenze biologiche e delle valutazioni cliniche sia gli strumenti che le tecniche di preparazione rimarranno sterili fattori nelle mani dei vari operatori.
In modo particolare, la diagnosi era ed è la fase più complessa e delicata, per la quale sono indispensabili conoscenze di fisiologia, patologia e microbiologia.
L’infezione batterica rappresenta, nella quasi totalità dei casi, la causa della patologia odontoiatrica e pertanto l’obiettivo principale dell’odontoiatra è finalizzato al l’eliminazione della causa batterica. Negli ultimi anni sono avvenuti grandi progressi nella conoscenza di numerose specie batteriche specifiche per determinate patologie e localizzazioni.
Il piano di trattamento richiederebbe quindi, anche per l’endodontista, una cultura multidisciplinare, purtroppo molto rara.
La prognosi richiede molti anni di esperienza meticolosamente documentata, e anche questo è poco comune. La letteratura ci aiuta dandoci l’esperienza degli altri, ma non è la stessa cosa.
Scopo di questo incontro è quello di fare le considerazioni su questi argomenti e dibattere le situazioni più comuni e condividere le esperienze di tutti.

Relatore:

Dott. G. Franco Vignoletti

Laureato in Medicina e Chirurgia
Specializzato in Odontoiatria e Protesi Dentale
Assistente nel reparto di Odontoiatria dell’Universita’ di Verona
con l’incarico dell’insegnamento dell’Odontoiatria Conservatrice
dal 1974 al 1980
Professore a contratto di Endodonzia dal 1984 al 1994 all’Universita’
di Bologna e di Ferrara
Specializzato nel 1982 in Endodonzia alla Boston University
Socio fondatore, past president e socio onorario della Societa’ Italiana di Endodonzia
Socio fondatore,past president e socio onorario della Accademia Italiana di Endodonzia
Socio onorario dell’Accademia Italiana di Conservativa
Coautore con Paolo Mareschi del libro”Endodonzia:da arte a scienza”Editrice Promoden
Libero professionista in Verona

Relatore:

Dott. Paolo Mareschi

Laureato in Medicina e Chirurgia, past President dell’ Accademia Italiana di Endodonzia, coautore con il dr.Gianfranco Vignoletti del testo "Endodonzia: da Arte a Scienza” eserita la libera professione a Spilimbergo.

Relatore:

Dott. Nicola Perrini

Medico-Chirurgo , Specialista in Odontoiatria e Stomatologia, libero professionista a Pistoia nel Centro di Odontoiatria e Stomatologia.
Presidente della” Fondazione Prof. Luigi Castagnola”, è stato membro Fondatore della Società Italiana di Endodonzia (S.I.E.) e dell’Accademia Italiana di Endodonzia (A.I.E.),Past President della SIE e dell’ AIE , Past President della SISOS ( Società Italiana di Storia dell’Odontostomatologia), Past-President “Associazione Amici di Brugg”, Membro internazionale della A.A.E. (American Association of Endodontists). Membro onorario delle seguenti società scientifiche : SIE (Società Italiana di Endodonzia), A.I.E.(Accademia Italiana di Endodonzia ), A.I.C. (Accademia Italiana di Conservativa),S.I.T.D. (Società Italiana di Traumatologia Dentale), S.F.E. (Societè Francaise d’Endodontie).

venerdì 18 maggio 2018

ore 20:00


" Cementazione adesiva in odontoiatria restaurativa indiretta"


La conservativa e la protesi adesiva moderna fondano le sue basi sul concetto di odontoiatria minimamente invasiva e di ricostruzione con materiali da restauro estetici in grado di aderire al tessuto dentale mediante i sistemi adesivi al fine di garantire sigillo e ritenzione. Nonostante la loro apparente semplicità (soprattutto per gli adesivi semplificati), le tecniche adesive richiedono un protocollo clinico operativo scrupoloso e dettagliato fondato sulla conoscenza dei principi chimico/fisici dell’adesione e della struttura di smalto e dentina.
La conferenza avrà lo scopo di classificare i sistemi adesivi ed i cementi attualmente presenti sul mercato e quindi di proporre uno step-by-step clinico che permetta una semplice ma corretta valorizzazione delle qualità dei sistemi adesivi e dei cementi in rapporto alle differenti condizioni cliniche di restauri diretti ed indiretti.

Relatore:

Prof. Lorenzo Breschi

Laureato con lode in Odontoiatria e Protesi Dentaria all’Università di Bologna, consegue il Dottorato di Ricerca presso il Dipartimento di Anatomia dell’Università di Bologna. Professore Straordinario presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Neuromotorie (DIBINEM) dell’Università di Bologna, Direttore del Reparto di Conservativa e del Master in Odontoiatria Estetica Adesiva dell’Università di Bologna.
Associate Editor del Journal of AdhesiveDentistry, socio Attivo dell’Accademia Italiana di Conservativa (AIC), della Società Italiana di Odontoiatria Conservativa (SIDOC) e Fellow Academy of DentalMaterials.
Presidente dell’EuropeanFederation of Conservative Dentistry (EFCD), Presidente dell’International Academy of AdhesiveDentistry (IAAD), Presidente Eletto dell’Accademia Italiana di Conservativa, Past-President del DentalMaterials Group (DMG) dell’International Association forDentalResearch (IADR) e dell’Academy of DentalMaterials (ADM),
Relatore a numerosi congressi nazionali ed internazionali su aspetti relativi alla ultrastruttura di smalto e dentina e sulle tecniche di odontoiatria adesiva. Autore di oltre 200 pubblicazioni in riviste internazionali con impact factor su aspetti relativi all’adesione delle resine composite a smalto e dentina. Collabora attivamente con vari gruppi di ricerca internazionali nello sviluppo di nuove metodologie legate alle tecniche di adesione in odontoiatria conservativa.

martedì 05 giugno 2018

ore 20:00


" Gestione efficace dello studio: quali inefficienze organizzative causano l'insoddisfazione economica dei titolari"


Durante la conferenza Federico Ghironi illustrerà le tipologie di inefficienze organizzative presenti all’interno della maggior parte degli Studi Dentistici.
Toccando diversi ambiti (Risorse umane, Indicatori di performance, Gestione finanziaria, Informatizzazione e Marketing), il percorso guiderà i presenti ad adottare un atteggiamento pro-attivo per conoscere e reagire ai cambiamenti del Mercato Italiano.

Relatore:

Sig. Federico Ghironi

Dental Business Coach Accademia e Trainer Ekis.
In 22 anni di lavoro ha acquisito moltlepici skills in ambito marketing, controllo di gestione e organizzazione delle risorse umane.
Unite alla grande passione per l’imprenditoria, ha aiutato centinaia di Studi Dentistici a ottenere rapidamente i risultati desiderati.
Esperto di comunicazione efficace e vendita, riesce a semplificare concetti considerati spesso complessi o troppo tecnici.
Ciò che lo caratterizza di più in assoluto è la capacità di problem solving.
L’abilità di trovare ogni volta la giusta strada per la realtà che gli si presenta davanti.
Allena quotidianamente i Titolari di Studio Dentistico alle due abilità più grandi per avere Successo: Saper Essere e Saper Fare.

martedì 18 settembre 2018

ore 20:00


" Il carcinoma del cavo orale: diagnosi e terapia"


Il carcinoma del cavo orale si inquadra nella famiglia di neoplasie che vengono
globalmente definite tumori della testa e del collo. L’incidenza globale in Veneto è il
triplo che nel resto dell’Italia. In più del 90% dei casi si tratta di carcinomi squamosi
che originano dalle cellule epiteliali della mucosa di rivestimento del cavo orale. I
fattori di rischio maggiormente coinvolti sono il fumo e l’alcol, che in associazione
presentano un potenziamento di tipo esponenziale. Il virus dell’ HPV è chiamato in
causa nella genesi delle forme localizzate all’orofaringe. La sopravvivenza globale è
allo stato attuale non superiore al 70%, ove, le forme iniziali hanno brillanti
possibilità di essere curate, anche con terapie unimodali, le forme localmente
avanzate presentano invece prognosi scadente (inferiore al 40% a 5 anni) e
necessitano di trattamenti combinati, chirurgici e chemio-radioterapici. Il fattore
prognostico più importante è la presenza di metastasi ai linfonodi cervicali, fatto che
approssimativamente dimezza la prognosi. Quest’ anno è stata pubblicata l’ ultima
edizione del TNM, in cui la stadiazione si correla maggiormente con la prognosi. Si
affronteranno, discutendo anche di singoli casi clinici, tematiche di diagnosi, terapia
e follow up, dalle forme precoci alle ben più complesse forme localmente avanzate.

Relatore:

Dott. Marco Rossi

Laurea in Medicina e Chirurgia a pieni voti presso l’Università degli Studi di Padova il 13/10/1999.
Abilitazione all’esercizio della professione di medico-chirurgo conseguita il 23/05/2000.
Conseguimento del Diploma di Specializzazione in Chirurgia Maxillo-facciale con il massimo dei
voti presso l’Università degli Studi di Padova il 18/12/2006 conseguito ai sensi del D.Lgs. 257/91.
La durata del corso di specializzazione è stata di anni cinque (5). Frequenza presso la Clinica ORL dell’Università degli Studi di Brescia dal 1/09/2001 al 31/12/2001
come medico frequentatore. Iscrizione alla Scuola di Specializzazione in Chirurgia Maxillo-facciale presso l’Università degli
Studi di Padova il 01/01/2002
Frequenza come medico specializzando presso l’UOC di Chirurgia Maxillo-facciale dell’Ospedale
di Castelfranco Veneto (TV) dal 1/06/2003 al 31/08/2003.
Frequenza del Corso di Perfezionamento in Chirurgia Orale (Direttore Prof. Mario Berengo) presso
l’Università degli studi di Padova da gennaio 2003 a dicembre 2003.
Frequenza come medico specializzando presso l’UO di Chirurgia Maxillo-facciale (Responsabile
Dott. Giulio Cantù) dell’Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori di Milano dal
1/09/2004 al 31/08/2005. Dal 1 dicembre 2007 al 31 luglio 2012 ha svolto incarico di Medico specialista con contratto liberoprofessionale
presso la Unità Operativa di Chirurgia Maxillo-facciale presso l’Azienda Ospedaliera-
Università di Padova.
Dal 1 agosto 2012 al 14 febbraio 2016 ha svolto servizio come Dirigente Medico presso l’UO di
Chirurgia Maxillo-facciale dell’Azienda Ospedaliera di Padova.
Dal 15 febbraio 2016 a tutt’oggi ricopre incarico di Dirigente Medico presso l’UOC di Chirurgia
Maxillofacciale e Odontoiatria dell’ Azienda ULSS 2 “Marca Trevigiana”, sede di Treviso.
Al momento attuale svolge attività chirurgica maxillo-facciale presso la UO di appartenenza, con
particolare expertise nei settori della chirurgia oncologica della testa e del collo, della chirurgia
ricostruttiva e microchirurgia.
Viene svolta parimenti tutta l’attività chirurgica di tipo “istituzionale”, ivi comprese la chirurgia dei
traumi, la chirurgia orale e la chirurgia pre-protesica ed implantologica.

martedì 02 ottobre 2018

ore 20:00


" Potenzialità e limiti dei trattamenti ortodontici con allineatori"


In ortodonzia si ricorre sempre più frequentemente all’impiego di strumenti digitali sofisticati per la diagnosi, la pianificazione e la realizzazione del piano di trattamento. La simulazione digitale della terapia ortodontica è ormai comune e presto lo saranno anche altre procedure come la realizzazione di impronte digitali o la progettazione di apparecchiature ortodontiche estetiche. Lo sviluppo di queste tecnologie spesso non è associato ad una adeguata formazione degli odontoiatri che a volte non hanno gli strumenti o le possibilità di mettere a confronto le diverse metodiche presenti sul mercato.
Saranno discussi casi clinici trattati mediante apparecchiature programmate digitalmente con particolare attenzione alle recenti evoluzioni sull’impiego di allineatori trasparenti.

Relatore:

Dott. Luca Lombardo

Nato a Licata il 19/11/1980
Laureato in Odontoiatria presso
l’Università di Palermo nel 2004
Specializzato in Ortodonzia
presso l’Università di Ferrara nel 2007
Professore a contratto presso
la Scuola di Specializzazione
in Ortodonzia Università
di Ferrara 2010/2012
Assegnista di ricerca Università
Ferrara 2005/2011
Emerito studioso Università di Ferrara 2010/2011
Ricercatore Università degli Studi di Ferrara 2012
Member of European Board of Orthodontics
Autore di pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali
Relatore a convegni nazionali e internazionali
Socio SIDO
Socio ordinario Accademia Italiana di Ortodonzia
Presidente 2012 Associazione Italiana Specialisti in Ortodonzia

martedì 13 novembre 2018

ore 20:00


" Ortopantomografia e cone beam in ambito odontoiatrico: evoluzioni attuali e suggerimenti pratici per il corretto utilizzo quotidiano"


L’odontoiatra è certamente il professionista medico, eccezion fatta per lo specialista in radiologia, che
utilizza più frequentemente metodiche diagnostiche basate sulla somministrazione di radiazioni
ionizzanti. La conoscenza, quindi, delle diverse metodiche è fondamentale per garantire al paziente
un’accurata e corretta diagnosi e, conseguentemente, un’efficace programmazione terapeutica. Inoltre,
vista la potenziale dannosità delle radiazioni ionizzanti, l’odontoiatra esperto dovrà essere in grado di
scegliere l’esame o la sequenza di esami che assicurerà la esposizione senza, però, perdere in capacità
diagnostica.
La Tomografia Computerizzata Cone Beam (CBCT) ha rivoluzionato la diagnostica radiologica
odontoiatrica e maxillo-facciale rendendo disponibili ricostruzioni tridimensionali estremamente precise
delle strutture anatomiche esaminate. La CBCT è una tecnica di scansione utilizzata per acquisire dati
ed immagini di uno specifico volume. Grazie a specifici e potenti software di elaborazione, questa
tecnica offre immagini diagnostiche sui tre piani dello spazio e volume rendering, esponendo il paziente a
dosi radianti bassissime. La CBCT è ormai una metodica insostituibile sia nella programmazione
d’interventi di avulsione di elementi dentari inclusi che in implantologia, dove permette di valutare
qualità e quantità di osso disponibile e di prevenire le possibili cause di insuccesso.
L’esame ortopantomografico delle arcate dentarie (OPT), nonostante lo sviluppo degli esami
tomografici in genere e della CBCT in particolare, resta la metodica diagnostica routinaria e di primo
livello di qualsiasi programmazione odontoiatrica. Le principali qualità dell’OPT sono il favorevole
rapporto costi-benefici (la dose radiante di 0.5-0.8 mGy è sovrapponibile a quella di altri esami e le
metodiche digitali hanno ulteriormente abbattuto tali valori) e la possibilità di avere una nitida
rappresentazione dello strato curvilineo formato dalle arcate dentarie con un’unica proiezione. Inoltre,
all’interno di questa proiezione sono comprese una serie di strutture anatomiche ad esse adiacenti, il che
rende l’immagine radiografica estremamente preziosa per l’inquadramento generale del paziente, non
solo in ambito odontoiatrico. Ciò ha una sempre maggiore importanza in ambito medico-legale e di
prevenzione (riconoscimento di identità, possibilità di evidenziare corpi calcificati intravascolari, etc.).
Nel corso della presentazione saranno fornite all’odontoiatra le necessarie nozioni di
radioprotezionistica ed i principi per utilizzare in maniera efficace sia l’OPT che la CBCT.
L’odontoiatra, quindi, sarà in grado di assicurare il corretto utilizzo dell’ortopantomografo (selezione
della tipologia di esame più indicata, posizionamento del paziente, errori comuni nel posizionamento e
conseguenze nella visione diagnostica, trattamento dell’immagine) e dell’apparecchio per CBCT
(selezione della dimensione del volume idonea, posizionamento del paziente, elaborazione del volume
acquisito, simulazione di tracciatura virtuale del canale mandibolare, corretto posizionamento ed
orientamento della ricostruzione panoramica, delle sezioni e del volume, simulazione implantare con
individuazione densità ossea). Saranno analizzati casi clinici selezionati e verranno condotte simulazioni
con CBCT.

Relatore:

Dott. Aldo Zupi

Laureato cum laude in Medicina & Chirurgia. Specialista cum laude in Chirurgia Maxillofacciale. Dottore di
Ricerca in Patologia & Chirurgia Orbito-Maxillofacciale. Master of Science in Odontologia Forense.
Ha completato la propria formazione post-graduate negli Stati Uniti (“Thomas Jefferson” University,
Philadelphia) e nel Regno Unito (University of London, London). Si occupa di chirurgia orale e
maxillofacciale. È stato per oltre un decennio Dirigente Medico di Primo Livello di Chirurgia
Maxillofacciale dell’Azienda ULSS 13 del Veneto. Attualmente, svolge attività di consulenza presso
aziende e strutture sanitarie private e pubbliche, sia in Italia che all’estero.
Autore di oltre un centinaio di pubblicazioni scientifiche su riviste nazionali ed internazionali, ha curato
la stesura di una decina di monografie ed ha curato l’edizione italiana di opere internazionali. Da
sempre impegnato nella didattica. Ha svolto funzioni di docente a corsi tenuti da associazioni
professionali, aziende pubbliche e private. Professore a contratto di Chirurgia Maxillofacciale presso
l’Università degli Studi “Federico II” di Napoli; docente di Medicina Orale Olistica presso la Libera
Università Internazionale “LUIBEN” di Roma, docente accreditato ECM presso il CMDR di Bucarest;
docente di “Discipline Medico-Biologiche” per gli Istituti Bio-Sanitari; è stato docente al Master di
Secondo Livello in Implanto-Protesi presso l’Università degli Studi di Firenze. Responsabile Scientifico
di numerosi eventi accreditati ECM e di Società Provider, sia italiane che internazionali.
Consultant per la Diagnosi Strumentale (radiografica) di numerose strutture sanitarie, sia in Italia che
all’estero. Ha seguito con attenzione e passione l’evoluzione delle metodiche radiodiagnostiche in
ambito odontoiatrico, curando la didattica e l’addestramento del personale medico e paramedico di
aziende pubbliche e private.

martedì 11 dicembre 2018

ore 20:00


" I vantaggi della protesi fissa implantare conometrica"


La malattia perimplantare è una frequente patologia presente nei pazienti portatori di protesi dentali impianto supportate.
Recenti dati della letteratura riportano preoccupanti dati con una prevalenza media del 43 %
Da un punto di vista clinico, la presenza di mucositi in aggiunta alla mancanza di appropriate misure di igiene, sono associate ad un alta incidenza di perimplantiti.
La terapia delle mucositi può quindi essere considerata una misura preventiva per l insorgenza delle perimplantiti.
La protesi fissa conometrica offre notevoli vantaggi sia ai pazienti che ai medici , aiutando entrambi nella prevenzione e nella gestione delle complicanze biologiche

Relatore:

Prof. Eriberto Bressan

Professore Associato
Titolare della Cattedra di Parodontologia e di Implantologia al Corso di Laurea in Odontoiatria e Protesi Dentaria dell’ Università degli Studi di Padova.
Specializzato in Ortognatodonzia nel 2001 presso l’Università degli Studi di Padova.
Pdh in Biochimica, Biologia Molecolare e Biotecnologia.
Master in implantologia Osteointegrata
Responsabile Scientifico e Docente al Master di Implantologia Osteointegrata di II livello all ‘ Università degli Studi di Padova.
Direttore del Corso in Metodologia di Ricerca dell Università degli Studi di Padova.
Membro del Consiglio Direttivo dell’Italian Academy of Osseointegration IAO
Relatore a Congressi Nazionali e Internazionali , è autore di numerose pubblicazioni su riviste italiane e internazionali .